SPEDIZIONE GRATUITA IN TUTTA ITALIA

ABBIGLIAMENTO PER LA MONTAGNA | Consigli per essere sempre preparati

Percorrendo itinerari e percorsi di montagna, spesso si rimane colpiti dalla varietà di capi di abbigliamento - spesso inadatti a quel tipo di attività - che le persone indossano, più per una mancanza di informazione e di cultura specifica dei vestiti tecnici per l’outdoor. Abbiamo pensato a una piccola guida che risolve, almeno in parte, alcuni dubbi fondamentali dell’escursionista e fornisce dei consigli su cosa indossare, a seconda dell’attività svolta.

Partiamo dalla parte superiore del corpo, che deve essere adeguatamente protetta da freddo (o caldo) e dalle intemperie, se presenti, oppure dal sole. A contatto con la pelle è consigliato avere un primo strato aderente, realizzato con materiali traspiranti che garantiscono inoltre una rapida asciugatura, permettendo alla pelle di regolare in modo ottimale la temperatura corporea durante lo sforzo. Sopra, possiamo scegliere diverse tipologie di maglia, camicia o pile, dipende dalla tipologia di escursione o attività che vogliamo praticare, dalla temperatura e dalle condizioni meteo. In estate possiamo scegliere una maglia a manica corta, sempre in tessuto tecnico traspirante, oppure una camicia specifica per outdoor, che dona un look più classic e al tempo stesso comunque garantisce prestazioni eccellenti. Se fa freddo oppure piove, optiamo per un guscio leggero antivento e antipioggia, che svolge la duplice funzione di isolare dall’esterno e mantenere un corretto microclima internamente. Se veniamo colti da un temporale improvviso, assai frequente in montagna, ricordiamoci di infilare nello zaino un impermeabile oppure un poncho di emergenza. Per chi desidera maggior isolamento termico, un buon micropile con inserti in Lycra è la soluzione perfetta. In caso di condizioni meteo favorevoli ma freddo intenso è raccomandabile un piumino tecnico 100 grammi, che unisce alla leggerezza della piuma un efficace isolamento termico e comfort anche durante l’attività.

Passiamo alla parte inferiore del corpo, dove la scelta è ristretta a due capi di abbigliamento: pantaloni e calze. Per quanto riguarda i pantaloni, possiamo scegliere se corti o lunghi, anche qui considerando il grado e la tipologia di sforzo che affronteremo; per quanto riguarda i materiali, la stagione e la temperatura influisce sul peso del tessuto, mentre il grado di tecnicità richiede fit più o meno attillati. In generale, d’estate si predilige un pantalone in tessuto a rapida asciugatura, monoelastico, mentre nelle stagioni più fredde il materiale diventa più pesante fino a diventare un vero softshell con proprietà antivento e antipioggia.

Per scegliere le calze outdoor è necessario conoscere perfettamente il proprio piede e quali saranno le sollecitazioni alle quali andrà incontro; infatti, esistono tantissime tipologie di calze, in lana merino, cotone e tessuto sintetico e declinazioni miste di questi materiali. Sarà la nostra sensibilità a dirci quale scegliere, naturalmente tenendo presente che il cotone è più pesante e difficile da asciugare rispetto ai sintetici e che la lana è perfetta per le quattro stagioni ma può dare fastidio a un piede molto sensibile.

Infine, diamo un’occhiata agli accessori. Un cappello per proteggerci dal sole, meglio se a tesa larga per aumentare la zona d’ombra. Bastoncini per aiutarci nella camminata, se necessari. Uno zaino la cui capienza varierà a seconda della durata e del grado di difficoltà dell’attività, nel quale riporre un cambio, il già citato impermeabile, e tutta l’attrezzatura necessaria.

1

 

Davide

Il mio motto è “ le gambe ti portano in cima....l'equipaggiamento ti riporta a casa.”

 

Inserisci un commento












Captcha
( * )

I commenti sono moderati, alcuni dati sono registrati nel rispetto della privacy. Inviando il commento si accettano le condizioni.