SPEDIZIONE GRATUITA IN TUTTA ITALIA
Dal 08 al 25 agosto compresi gli ordini non potranno essere processati. Le spedizioni ripartiranno regolarmente a partire dal 26 agosto.

EXTREME ADVENTURES | A STEEP SKIING PROJECT

Edmond Joyeusaz e il suo team al cospetto dell’Everest

Alcuni mesi fa, avevamo parlato del progetto Extreme Adventures: a steep ski project del nostro Edmond Joyeusaz, che era giunto al termine della parte “europea” con la prima discesa integrale su sci della parete nordest del Cervino, uno degli scorci più famosi e iconografici di tutte le Alpi.

Ora, l’avventura di Edmond e dei membri del suo team si è spostata in Tibet, più precisamente al confine tra Cina e Nepal, laddove spicca verso il cielo l’imponente massiccio dell’Everest, la Dea Madre dell’Universo (Chomolungma) come viene chiamato dai tibetani. Il progetto è giunto infatti all’apice, l’obiettivo è la difficile discesa con gli sci dell’Hornbein Couloir, un impressionante canale di ghiaccio e rocce che percorre tutta la parete nord dell’Everest dalla cima alla base, per quasi tremila metri di dislivello, che in pochi sono riusciti a scalare e nessuno ancora è riuscito a scendere.

A questa difficile impresa, Edmond e il suo team hanno affiancato l’impegno per ripulire la parte di montagna che percorreranno dalla massa di sporcizia lasciata da innumerevoli spedizioni che nel corso degli anni hanno affollato l’Everest: basti pensare che dal 2008 sono state raccolte circa 12 tonnellate di rifiuti con il progetto Eco Everest Expedition. Il gruppo di alpinisti rimuoverà tutte le corde usate per la salita e, durante la via di ritorno, percorrerà la via normale tibetana per ripulire, almeno in parte, la montagna. Forse anche questa è degna d’essere considerata un’impresa di altissimo profilo.

 

Inserisci un commento












Captcha
( * )

I commenti sono moderati, alcuni dati sono registrati nel rispetto della privacy. Inviando il commento si accettano le condizioni.