SPEDIZIONE GRATUITA IN TUTTA ITALIA

GLI ALBORI DELL’ALPINISMO | Le prime imprese sulle montagne

La nascita dell’alpinismo viene generalmente fatta risalire al 1786, più precisamente la data dell’8 agosto, quando un team di due appassionati di montagna di Chamonix conquistò la vetta del Monte Bianco. Fino a quel momento, le grandi vette alpine erano considerate un vero e proprio tabù dagli europei, ed erano soprattutto terreno di caccia e luoghi di contrabbando, dove era più facile evitare i controlli doganali.

Da questa prima, storica ascensione, spinta soprattutto da interesse scientifico per le condizioni atmosferiche ad alta quota e relativo comportamento del corpo umano, partirono tutte le altre spedizioni verso le vette dell’arco alpino, che progressivamente persero il carattere scientifico per far spazio alla sfida e all’incremento dell’abilità alpinistica tout-cour, fino a diventare delle vere e proprie competizioni fra diverse cordate, come avvenne nel caso della prima ascensione del Cervino, nel 1865. Furono soprattutto appassionati scalatori inglesi e tedeschi a cimentarsi nelle prime salite alle vette alpine, appartenenti alla borghesia agiata che poteva permettersi le spese necessarie per attrezzate le cordate. Elemento fondamentale di queste imprese rimane però la presenza delle guide alpine, le persone del luogo che, grazie alla conoscenza del terreno e delle vie, riuscì a far muovere gli avventurieri in sicurezza tra i pericoli delle montagne.

Inserisci un commento












Captcha
( * )

I commenti sono moderati, alcuni dati sono registrati nel rispetto della privacy. Inviando il commento si accettano le condizioni.