TUTTI GLI ORDINI EFFETTUATI DAL 21 DICEMBRE AL 6 GENNAIO SARANNO PRESI IN CARICO E SPEDITI A PARTIRE DAL 7 GENNAIO
---
SPEDIZIONE GRATUITA IN TUTTA ITALIA

I TERMINI DELL’ALPINISMO | Glossario n. 3

Stile alpino. Particolare tipologia di spedizione alpina che non prevede l’utilizzo di portatori d’alta quota, corde fisse, ossigeno e campi preinstallati, e inoltre la salita deve essere realizzata in un unico tentativo, rendendo questo stile di ascensione particolarmente difficile e complicato. Tutto il materiale oltre il campo base viene trasportato direttamente dagli alpinisti della spedizione, che devono pertanto curare l’attrezzatura nei minimi dettagli per evitare carichi troppo pesanti. Il termine deriva dalla definizione data dal grande alpinista Hermann Buhl dopo la sua conquista del Broad Peak senza ausilio di portatori, con tecnica simile a quella praticata sulle Alpi.

Rampone. Attrezzo utilizzato dall’alpinista per la progressione su ghiaccio e neve ghiacciata e l’arrampicata su ghiaccio. Si distinguono tre tipologie di ramponi: automatici, caratterizzati da un doppio attacco nella parte frontale (in metallo) e posteriore (leva regolabile), che sono quelli più utilizzati per spedizioni e pareti ripide, su scarponi particolarmente rigidi che ne prevengono lo sganciamento con inserti specifici in punta e tallone; semi-automatici, con attacco posteriore uguale a quelli automatici e attacco frontale assente, sostituito da un intreccio di plastica oppure da lacci, sono più indicati per percorsi più facili e per sci alpinismo. Infine, i ramponi universali, che presentano un sistema di attacco allo scarpone con cinghie e fettucce di plastica o nylon e sono i ramponi meno performanti, ideali per chi si avvicina al mondo dell’alpinismo.

Isolamento termico. Condizione necessaria e fondamentale per il successo di una spedizione alpina e per evitare l’insorgenza dell’ipotermia, l’abbassamento della temperatura corporea eccessivo che porta sintomi simili alla febbre alta e può condurre alla morte se non trattato in tempo. L’isolamento termico dell’alpinista parte dei piedi, attraverso l’utilizzo di scarponi con particolari tipologie di fodera e membrana isolanti, e una soletta termoriflettente (con una lamina di alluminio, solitamente). Tutto l’abbigliamento poi deve soddisfare questa condizione, senza tuttavia aumentare a dismisura il peso dell’equipaggiamento: vengono usati quindi materiali termoriflettenti e isolanti allo stesso tempo, che puntano a costruire una barriera contro il freddo e a trattenere il caldo del corpo all’interno del vestiario.

Drytooling. Disciplina di arrampicata che prevede la progressione su una parete di roccia utilizzando le tecniche e le attrezzature (ramponi e piccozze) dell’arrampicata su ghiaccio. Gli attrezzi vengono utilizzati sugli appigli o fissati sulle fessure; per questo motivo, essendo la disciplina particolarmente distruttiva per la parete rocciosa, le vie di dry tooling sono differenti da quelle di arrampicata su ghiaccio. La difficoltà di una parete di dry tooling viene misurata con la lettera M seguita da un numero da 1 a 15; recentemente è stato proposto un grado M16 per una via considerata la più difficile al mondo (Storm Giant).

Inserisci un commento












Captcha
( * )

I commenti sono moderati, alcuni dati sono registrati nel rispetto della privacy. Inviando il commento si accettano le condizioni.