SPEDIZIONE GRATUITA IN TUTTA ITALIA
Dal 04 al 26 agosto compresi gli ordini non potranno essere processati. Le spedizioni ripartiranno regolarmente il giorno 27 agosto.

RIFUGIO VENEZIA | Alle pendici del Pelmo

Proseguiamo il nostro tour dei più famosi rifugi delle Alpi con una struttura molto famosa nella zona delle Dolomiti, situata proprio sotto le pendici del monte Pelmo, una delle vette più scenografiche e facilmente riconoscibile dalla tipica forma a “caregon” (seggiolone).

Il Rifugio Venezia si trova proprio in questa zona, a 1947 metri sul livello del mare, ed è situato in un crocevia di importanti sentieri alpini, l’Altavia n. 1 (una delle più frequentate) e la n. 3. Storicamente, questo è il primo rifugio costruito in terra italiana sulle Dolomiti, a opera della sezione del CAI di Venezia, voluto in questi posti perché, durante gli anni d’oro della Serenissima, il monte Pelmo fungeva da punto di riferimento, come direzione, per le navi che si dirigevano verso il porto di Venezia. Durante la seconda guerra mondiale venne distrutto dai tedeschi quando scoprirono che i partigiani lo usavano come ricovero; dopo la fine delle operazioni belliche, fu restaurato e riaperto nel 1954.

Punto di partenza privilegiato per le escursioni e le arrampicate sul Pelmo, il rifugio Venezia è dotato di oltre sessanta posti letto; è aperto solamente durante il periodo estivo, nel periodo invernale è possibile utilizzarlo come bivacco ma i posti letto disponibili sono solamente dieci. Per raggiungere il rifugio Venezia, vi sono due punti di partenza ottimali: uno in val di Zoldo, passando per Zoppè di Cadore e arrivando da sud ovest con una camminata lunga ma semplice, quasi tutta su mulattiera. L’altro è da Borca di Cadore passando per Malga Ciauta, più corto ma che richiede sicuramente uno sforzo maggiore.

Inserisci un commento












Captcha
( * )

I commenti sono moderati, alcuni dati sono registrati nel rispetto della privacy. Inviando il commento si accettano le condizioni.