TUTTI GLI ORDINI EFFETTUATI DAL 21 DICEMBRE AL 6 GENNAIO SARANNO PRESI IN CARICO E SPEDITI A PARTIRE DAL 7 GENNAIO
---
SPEDIZIONE GRATUITA IN TUTTA ITALIA

TERMINI DELL’ALPINISMO | Glossario n. 2

Proseguiamo anche questa settimana l’analisi e descrizione dei termini dell’alpinismo con il nostro glossario specifico.

Grado di difficoltà - scala di valutazione della difficoltà rappresentata da una via di arrampicata o alpinistica. Esistono diversi sistemi di valutazione del grado di difficoltà, ma generalmente ne vengono usati due: la scala UIAA, che classifica il grado utilizzando i numeri romani, e la scala francese, che associa a un numero da 3 a 9 le prime 4 lettere dell’alfabeto. Rispettivamente, le salite più difficili vengono classificate come X, XI nel primo caso, 9a-9b nel secondo.

Tiro di corda - un tratto di arrampicata che parte da terra o da una sosta e conduce, attraverso un percorso tracciato, a una sosta sulla parete. Il tiro può essere uno solo, e quindi si parla di monotiro, oppure con più tiri di corda, nel qual caso la via è più complicata da affrontare e deve essere eseguita con molta cautela dal capocordata.

Cordata - gruppo di due o più arrampicatori che si cimentano nella risalita di una via. Il numero dei componenti la squadra influisce sulla velocità e sulla modalità di risalita del percorso; solitamente, su una parete il gruppo procede per tiri di corda, quindi ognuno affronta la via con gli altri fermi, mentre in ambito alpino e su vie più facili il gruppo procede in conserva, ovvero con il movimento simultaneo di tutto il gruppo.

Acclimatamento - protocollo messo in pratica dall’alpinista al fine di evitare l’insorgere di complicazioni legate al mal di montagna (soprattutto, edema polmonare e cerebrale) che consiste nell’abituare gradualmente l’organismo alla mancanza di ossigeno nell’aria, situazione tipica dell’alta e dell’altissima quota, dovuta all’abbassamento della pressione atmosferica con l’aumento dell’altitudine. Questa pratica riveste importanza cruciale nell’ambito delle spedizioni himalayane, dove viene utilizzata la tecnica dello spostamento frequente di quota, tra i vari campi presenti alle pendici degli ottomila, con numerose soste anche notturne.

Inserisci un commento












Captcha
( * )

I commenti sono moderati, alcuni dati sono registrati nel rispetto della privacy. Inviando il commento si accettano le condizioni.