SPEDIZIONE GRATUITA IN TUTTA ITALIA
TUTTI GLI ORDINI INVIATI DAL 20 DICEMBRE AL 6 GENNAIO SARANNO SPEDITI A PARTIRE DAL 7 GENNAIO

TERMINI DELL’ALPINISMO | Glossario n. 2

Proseguiamo anche questa settimana l’analisi e descrizione dei termini dell’alpinismo con il nostro glossario specifico.

Grado di difficoltà

Scala di valutazione della difficoltà rappresentata da una via di arrampicata o alpinistica. Esistono diversi sistemi di valutazione del grado di difficoltà, ma generalmente ne vengono usati due: la scala UIAA, che classifica il grado utilizzando i numeri romani, e la scala francese, che associa a un numero da 3 a 9 le prime 4 lettere dell’alfabeto. Rispettivamente, le salite più difficili vengono classificate come X, XI nel primo caso, 9a-9b nel secondo.

Tiro di corda

Un tratto di arrampicata che parte da terra o da una sosta e conduce, attraverso un percorso tracciato, a una sosta sulla parete. Il tiro può essere uno solo, e quindi si parla di monotiro, oppure con più tiri di corda, nel qual caso la via è più complicata da affrontare e deve essere eseguita con molta cautela dal capocordata.

Cordata

Gruppo di due o più arrampicatori che si cimentano nella risalita di una via. Il numero dei componenti la squadra influisce sulla velocità e sulla modalità di risalita del percorso; solitamente, su una parete il gruppo procede per tiri di corda, quindi ognuno affronta la via con gli altri fermi, mentre in ambito alpino e su vie più facili il gruppo procede in conserva, ovvero con il movimento simultaneo di tutto il gruppo.

Acclimatamento

protocollo messo in pratica dall’alpinista al fine di evitare l’insorgere di complicazioni legate al mal di montagna (soprattutto, edema polmonare e cerebrale) che consiste nell’abituare gradualmente l’organismo alla mancanza di ossigeno nell’aria, situazione tipica dell’alta e dell’altissima quota, dovuta all’abbassamento della pressione atmosferica con l’aumento dell’altitudine. Questa pratica riveste importanza cruciale nell’ambito delle spedizioni himalayane, dove viene utilizzata la tecnica dello spostamento frequente di quota, tra i vari campi presenti alle pendici degli ottomila, con numerose soste anche notturne.

Inserisci un commento












Captcha
( * )

I commenti sono moderati, alcuni dati sono registrati nel rispetto della privacy. Inviando il commento si accettano le condizioni.