// AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO
// AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO // AVVICINAMENTO
Scarpe da Avvicinamento Kayland
La scarpa ideale per accompagnarti alla partenza delle vie di roccia, per percorrere in massima sicurezza e comfort vie ferrate o semplici camminate in montagna.
Ogni avventura inizia con un singolo passo, un "avvicinamento". Noi di Kayland, sappiamo che per garantire un viaggio sicuro e di successo, è fondamentale avere un equipaggiamento adeguato che consenta percorrere qualsiasi tipo di terreno, indipendentemente dalla sua difficoltà. La gamma Avvicinamento di Kayland offre un perfetto equilibrio tra prestazione e leggerezza con tomaie ergonomiche, traspiranti e resistenti all'usura, per ottenere il massimo comfort e la massima mobilità. Inoltre, le suole della categoria Avvicinamento sono progettate per fornire un'eccellente precisione e aderenza, rendendole adatte ad affrontare qualsiasi approccio alla roccia o via ferrata. Possono persino essere utilizzate al posto delle scarpette da arrampicata nei primi gradi di difficoltà. A voi non resta che liberare la mente, la vetta sarà vostra.
filtri
15    risultati